Come aumentare la sicurezza di casa

Poiché il tema della sicurezza è sicuramente molto sentito in Italia, sopratutto in questi tempi, ho pensato di scrivere questo articolo in italiano.

Scopo di questo breve post è quello di fare vedere come, con una piccola spesa, sia possibile rendere più difficili lo scasso a quel target di malintenzionati occasionali, che solitamente passano di casa in casa cercando di entrare in quelle meno difese, per razziare qualsiasi cosa abbia un minimo di valore sul mercato, tanto da farli optare per la casa del vicino.

Un giorno, tempestato dalle richieste di maggior sicurezza della mia compagna, sono stato in una ferramenta specializzata portando le foto dei balconi per chiedere cosa si potesse fare per renderli più sicuri.

La prima cosa che mi è stata detta è che con un semplice cacciavite era possibile fare uscire i cardini e di fatto rimuovere direttamente il balcone, o in alternativa, muniti di cacciavite, svitare il balcone dal cardine, ottenendo lo stesso risultato. Tempo totale per accedere a casa mia 2 minuti. Non male vero?

E io che pensavo fossero solo paranoie della mia compagna!

BalconiPrima

Una volta avuta tutta la mia attenzione, ecco come risolvere egregiamente il problema, con una spesa direi ridicola.

PRimo passo

Rimuovere, una alla volta, le viti presenti, fare un foro passante, e sostituirle con la versione passante cieca all’esterno e avvitabile con una brugola solo da dentro il balcone.

VitePrimaVitiDopo

 

Nel mio caso la barra di ferro del cardine aveva i fori tondi, pertanto per fare entrare la nuova vite che essendo cieca ha l’invito quadrato per evitare che giri a vuoto quando viene fissata, è bastato assestare un paio di sane martellate che hanno fatto cedere il ferro dolce del cardine per fare posto al nuovo invito quadrato.

Non è ovviamente necessario sostituirle tutte, nel mio caso ho cercato di sostituirne una si e una no.

SECONDO PASSO

Il problema del cardine sfilabile si può risolvere in due modi.

Il primo è quello di forare il cardine dal lato interno (non accessibile con il balcone chiuso) e di inserire un grano che impedisca al cardine di essere sfilato.

Il secondo a mio avviso molto più semplice è quello di applicare una sicura per impedire al cardine di uscire, come quella in foto

SicuraCardine

ovviamente fissata con una vite passante cieca come quella della foto.

terzo passo

Il terzo passo è quello di rendere più difficile lo scasso del balcone, aggiungendo un chiavistello interno per rinforzare la normale protezione fornita dalla chiusura classica del balcone

Chiavistello

Ecco fatto, una mattina di lavoro, un centinaio di euro spesi, e finalmente la mia compagna, e a questo punto anch’io, possiamo fare sogni ragionevolmente più tranquilli.

A questo punto mi domando, se basta così poco per rendere la vita difficile a quei razziatori di appartamenti che in una notte aprono e svaligiano case e garage di una intera via, perché questi accorgimenti non vengono applicati direttamente dai costruttori su tutte le case nuove o non viene fatta una adeguata campagna di sicurezza per bonificare le strutture esistenti?

Nelle prossime puntate parleremo di Garage e di Serrature.

Stay Tuned!

Advertisements

1 Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s